venerdì 13 aprilePadova

Indirizzo

Four Points by Sheraton
Corso Argentina, 5
35129 Padova

Come arrivare Navette gratuite da Treviso
Orari
  • 8.30 accoglienza
    lavori 9.30 – 13.00
programma

Gabriele Zanardi CognitivaMente. Nuovi orizzonti per la valutazione
Antonia Tordella Sviluppo della competenza dell'esposizione orale
Elisa Pettinari Il coding a scuola: una nuova scuola, una nuova competenza trasversale
Simona Locatelli Prove INVALSI di Inglese. Una nuova opportunità per la scuola
Maria Cristina Scalabrini e Fabiana Polese Lapbook. Una mappa in 3D
Formazione su misura Paolo Maschietti

INTERVENTI E RELATORI

CognitivaMente. Nuovi orizzonti per la valutazione

Il panorama didattico ha subito una vera rivoluzione dall'introduzione delle problematiche sull’inclusività, chiedendo una profonda analisi in relazione ai concetti di abilità, di stile cognitivo e di potenziamento. Da qui nasce la richiesta di innovative metodologie e strumenti efficaci sia per il singolo studente sia per il gruppo classe. Vedremo insieme il progetto didattico innovativo CognitivaMente, che offre strumenti affidabili ed efficaci, nel rispetto delle potenzialità di tutti e garantisce una gestione del lavoro semplice e modulabile all’insegnante.

Gabriele Zanardi è psicologo, neuropsicologo, psicoterapeuta, professore a contratto presso il dipartimento di medicina sperimentale e forense università di Pavia. Si occupa da anni della integrazione dei modelli neurocognitivi con metodologie didattiche inclusive. Presidente del Centro Clinico Omega certificatore DSA per regione Lombardia, autore Mondadori Education svolge progetti formativi e di ricerca sul territorio nazionale in relazione alla didattica inclusiva.

Sviluppo della competenza dell'esposizione orale

Saper organizzare una esposizione orale, centrata su un argomento o disciplina, è una cosa altamente complessa. Esprimersi richiede organizzazione dei contenuti studiati, dopo averli compresi, appresi, esprimersi richiede padronanza di linguaggio e chiarezza espositiva. Questo processo cognitivo ha bisogno di tempi lunghi per divenire competenza. La costruzione di mappe concettuali degli oggetti  di studio, fornisce un approccio valido per rielaborare i saperi, connettendoli in schemi logici e creando la trama per una corretta esposizione orale da gestire individualmente.
Si  intendono presentare strategie operative per consentire agli alunni di raggiungere la competenza di cittadinanza “imparare ad imparare”, finalizzata alla costruzione di un metodo di studio personale, focalizzato sulle mappe concettuali da progettare per la prestazione orale.

Antonia Tordella è insegnante di Scuola Primaria. Si occupa di progettazione didattica per competenze, di didattica della matematica, valutazione degli apprendimenti e delle competenze. Si occupa da sempre di innovazione  e di ricerca didattica. È Consulente INDIRE per i Piani di Miglioramento(PdM). Formatrice in didattica  per competenze, didattica della matematica.  Autrice per A. Mondadori Scuola e C. Signorelli Scuola dei testi Allenati per l'INVALSI di Italiano e Matematica; coautrice per A. Mondadori Scuola di  “IO,IO SO”.

Il coding a scuola: una nuova scuola, una nuova competenza trasversale

Il coding si sta ritagliando uno spazio sempre più importante nella nuova scuola del XXI secolo, perché aiuta i più piccoli a pensare in modo creativo, divertendosi e collaborando con gli altri a caccia dell’errore che impedisce di risolvere un problema. La competenza messa in atto in un’attività di coding, infatti, è il pensiero logico e computazionale, la capacità di risolvere un problema scomponendolo in singoli passaggi logici, misurandosi con l’errore senza doverlo temere e imparando proprio da questo. Il ragionamento algoritmico è quindi una nuova competenza trasversale, che aiuta a sviluppare capacità logiche utili in tutte le aree di apprendimento: orientarsi in città, costruire una linea del tempo, calcolare l’area di un poligono. Fare coding a scuola non significa imparare a programmare e non richiede necessariamente un mezzo informatico. Vedremo un percorso educativo che introduce al pensiero logico e computazionale attraverso alcuni strumenti didattici e proveremo insieme un divertente gioco di coding unplugged.

Elisa Pettinari è laureata in ingegneria elettronica al Politecnico di Milano e ha conseguito un master in Comunicazione della Scienza alla SISSA di Trieste. Per Mondadori Education coordina progetti editoriali relativi a informatica, competenze digitali e nuove tecnologie nella didattica, e tiene seminari e corsi di formazione per i docenti. Ha insegnato coding e robotica presso diverse scuole di Milano, sia primaria che secondaria di primo grado, partecipando a progetti volti a introdurre nella programmazione didattica il coding come attività interdisciplinare.

Prove INVALSI di Inglese. Una nuova opportunità per la scuola

Dal corrente anno scolastico è stata introdotta, per la prima volta nella scuola italiana, la prova di Invalsi di Inglese nella classe V nella Scuola Primaria. Dopo un’introduzione in cui si spiegherà come sarà strutturata la prova e quali tipologie di esercizi saranno presenti, verranno forniti consigli operativi utili per aiutare gli alunni ad affrontarla al meglio.

Simona Locatelli è insegnante di Scuola Primaria. Per 10 anni insegnante specialista, insegna ora la lingua Inglese come specializzata. Autrice per C. Signorelli Scuola di Get ready! Preparati per la prova Invalsi di Ingleseda anni è sperimentatrice e ricercatrice di nuove metodologie didattiche.

Lapbook. Una mappa in 3D

Un lapbook è una cartelletta che può avere forme e dimensioni diverse in cui vengono raccolte le informazioni essenziali relative a un argomento di studio. Può essere costruito in itinere, mentre si affronta un argomento di studio, o al termine, come sintesi. Il suo valore è di essere uno strumento con molteplici funzionalità: può essere considerato come una mappa tridimensionale e interattiva, può sviluppare il cooperative learning o attivare la didattica della flipped classroom, può essere stimolo per riflessioni di tecnologia, è un compito di realtà in cui osservare competenze disciplinari ed extradisciplinari. I lapbook perciò sono uno strumento didattico che permette di mettere in campo differenti competenze, stimolando al contempo la creatività degli alunni, un ambito fondamentale non solo per la Scuola primaria, ma anche come Competenza del XXI secolo.

Maria Cristina Scalabrini si occupa di Scuola Primaria dal 1999. Dal 2007 è coordinatrice di questo settore per Mondadori Education e da settembre 2010 svolge questa mansione come responsabile di area. Si interessa di nuove metodologie didattiche che cerca di trasfondere nei libri.Fabiana Polese si occupa di didattica delle scienze dal 1990 e dal 1994 lavora nell’editoria scolastica per la scuola primaria Ha tenuto corsi di aggiornamento per le insegnanti e ha sviluppato numerosi progetti con bambini della primaria; alcuni di questi progetti sono anche diventati dei testi scolastici.